Colla medicale per medicazioni e cerotti

medicazione adesiva ago cannula

Il problema dell’adesività delle medicazioni

Le medicazioni cutanee ed i cerotti spesso presentano il problema di rimanere applicati in sede in maniera sicura e stabile.

Una medicazione che perde adesività può diventare problematica in quanto espone la ferita all’aggressione potenziale di agenti patogeni.

Ancora più attenzione è necessaria alle medicazioni relative ad aghi cannula dove il rischio infezione può avere conseguenze

La soluzione

Mastisol è la soluzione per il problema del fissaggio di medicazioni e cerotti.

Mastisol è un adesivo utilizzato per fermare le medicazioni e molti cerotti adesivi utilizzati sulla cute, la sua funzione è quella di aumentare la tenuta dell’adesivo dei cerotti e dei nastri per sutura cutanea.

Mastisol permette una tenuta ferma e duratura della medicazione sulla cute, anche in occasione di docce, lavaggi, sudorazione e diverse aree anatomiche.

Mastisol è esente da lattice, non è solubile in acqua, non contiene coloranti che macchiano la cute del paziente.

Dove usare Mastisol

  • Sala Operatoria: fissaggio di nastri adesivi per sutura cutanea (tipo suture-strip e similari) al posto del filo da sutura
  • Terapia intensiva: medicazioni adesive per fissaggio tubi endotracheali, fissaggio tubi endotracheali, fissaggio sacche stomie.
  • Ematologia/Oncologia: fissaggio di cateteri venosi, fissaggio aghi catetere venoso centrale, fissaggio PICC (catetere venoso centrale ad inserzione periferica), cambi di medicazione
  • Pronto Soccorso: fissaggio di nastri adesivi per sutura cutanea, cambi di medicazioni, fissaggio cateteri toracici
  • Pediatria: fissaggio di nastri adesivi per sutura cutanea, fissaggio di cateteri venosi centrali, medicazioni adesive per fissaggio tubi endotracheali
  • Terapia respiratoria: Tubi endotracheali, sondini naso gastrici
  • Ambulatorio stomie: Fissaggio di placche ileo-colostomiche, cambi di medicazioni, fissaggio di telini per ferite V.A.C. teraphy
  • Terapia intravenosa:  fissaggio di cateteri venosi, fissaggio PICC.
  • Laboratorio del sonno: fissaggio elettro monitoraggio
  • Diabetologia/endocrinologia: fissaggio set per infusione
  • Medicazioni per cateteri epidurali
  • Medicazioni del coccige
  • Medicazioni sacrali
  • Medicazioni nella zona addominale
  • Medicazioni per ernie ombelicali, addominali, inguinali
  • Medicazioni tipo Kerlix
  • Medicazione articolazione temporomandibolare
  • Medicazione port da infusione (ad. es. Port-a-cath, Bard Port, ecc.)
  • Medicazione per meringotomia

Medicazioni in zone anatomiche difficili

  • Aree cutanee sottoposte a trazione
  • Medicazioni sul ginocchio
  • Medicazioni sul piede
  • Medicazioni sul cuoio capelluto
  • Medicazioni sulla spalla
  • Medicazione nella zona ascellare
  • Medicazioni sul collo
  • Medicazioni in area peri-anale

Fissaggio di teli

  • Fissaggio teli per campo sterile
  • Fissaggio teli per ferite V.A.C.
  • Fissaggio teli per timpanoplastiche

Fissaggio adesivo di dispositivi medici vari

  • Fissaggio di cateteri venosi
  • Fissaggio cateteri centrali
  • Fissaggio cateteri arteriosi
  • Fissaggio cateteri Swan-Ganz (catetere arterioso polmonare – PAC)
  • Fissaggio di sonda nasogastrica
  • Fissaggio sonda da esofagostomia
  • Fissaggio sonda per digiunostomia
  • Fissaggio cateteri e drenaggi post operatori
  • Fissaggio cateteri e drenaggi nefrostomia percutanea (PCN)
  • Fissaggio e rafforzamento cateteri uretrali Foley
  • Fissaggio di StatLock
  • Fissaggio di GripLock

 

Come applicare l’adesivo per medicazioni

Il video illustra le modalità d’uso del Mastisol nel suo confezionamento di vendita in fiale monodose sterili da 0,66 cc.

Mastisol non è una colla per ferite; il suo uso deve essere limitato alla cute integra ed unicamente per favorire l’adesione delle medicazioni adesive e cerotti.

L’uso di Mastisol è destinato unicamente ad operatori sanitari professionali opportunamente addestrati, non è prevista la vendita a utilizzatori finali non qualificati, se sei un operatore sanitario puoi trovarlo sul nostro sito.

I dispositivi citati in questo articolo possono essere marchi registrati e sono di proprietà dei rispettivi proprietari.

Come usare l’elettrobisturi in modo sicuro

Pubblichiamo l’interessante presentazione realizzata dal Dott. Torrisi

 Watch Full Movie Online Streaming Online and DownloadWatch movie online The Transporter Refueled (2015)

 Watch Full Movie Online Streaming Online and DownloadWatch movie online The Transporter Refueled (2015)

Il corretto trattamento degli strumenti chirurgici?

Trattamento dei ferri chirurgici

I ferri chirurgici riutilizzabili sono realizzati in acciaio, ma è errato credere che questo materiale sia industruttibile.

Esistono infatti fattori meccanici, termici e chimici che possono comprometterne la durata.

Ecco un elenco di fasi che sono richieste per garantire la durata dello strumentario chirurgico nel tempo.

Il trattamento dei dei ferri chirurgici comprende in generale:

  1. Preparazione (pre-trattamento, raccolta degli strumenti, pre-lavaggio ed eventualmente smontaggio)
  2. Pulizia, disinfezione, risciacquo ed eventualemnte asciugaturta
  3. Controllo visivo della puluizia e delle perfette consizioni del materuale
  4. Eventuale manutenzione e riparazione
  5. Verifica del funzionamento
  6. Contrassegno
  7. Eventualmente imballaggio, sterilizzazione e stoccaggio

L’associazione tedesca (ma di rilevanza mondiale) AKI che riunisce diversi produttori mondiali di ferri chirurgici, ha istituito dal 1979 un gruppo di lavoro permanente che rende disponibili periodicamente alcune pubblicazioni relative al corretto trattamento degli strumenti chirurgici.

La versione in italiano è disponibile on-line sul sito ufficiale AKI.

Potete anche leggerla di seguito: ( tutti i diritti sono di proprietà di A-K-I-.org)

 

 

 

Come verificare le capacità di taglio delle forbici chirurgiche

Come testare il taglio delle forbici chirurgiche
Particolare delle lame di taglio di una forbice chirurgica standard con punte acute

Tra i vari strumenti chirurgici la forbice riveste senza dubbio il ruolo di ferro chirurgico per eccellenza in quanto ad essa è demandato il delicato compito di tagliare i tessuti nella maniera più precisa ma delicata.

E’ risaputo che un taglio pulito insieme ad una sutura eseguita a regola d’arte facilita anche la rigenerazione tissutale.

Le diverse tipologie di forbici chirurgiche

Oltre a differire per forma e dimensione (relative alle strutture anatomiche e tessuti sulle quali devono lavorare), le  di forbici chirurgiche si distinguono a seconda della configurazione delle lame:

  • Forbici chirurgiche con lame standard
  • Forbici chirurgiche con lama/lame zigrinata/e:
    la lama zigrinata serve ad evitare lo scivolamento del tessuto mentre l’altra lama provvede a tagliarlo
  • Forbici chirurgiche con lame a “coltello” (detta anche SuperCut, o con taglio svedese):
    una lama ha una sezione a coltello, più sottile dell’altra ed un filo di taglio che corre lungo tutta la lama
  • Forbici con lame in carburo di tungsteno
    le lame presentano un riporto di carburo di tungsteno applicato per garantire la massima durata del filo di taglio.

Il principio di funzionamento delle forbici chirurgiche

Sia durante la produzione che l’assemblaggio delle forbici chirurgiche si tiene in considerazione il fatto che le due lame delle forbici sono in contatto solo su una piccola superficie durante il taglio e pertanto le due lame sono leggermente curve.

Una delle due lame di taglio infatti, se correttamente calibrata e regolata,  deve scorrere sull’altra dallo snodo fino alla punta.

Quando la forbice è chiusa, solo le punte delle due lame devono essere in contatto, mente tra le due lame dovrebbe potersi vedere un piccolissimo spiraglio, segno appunto che la realizzazione delle forbici è eseguita a regola d’arte.

Come ogni strumento anche le forbici chirurgiche sono soggette ad usura, anche se si è portati a pensare che tagliando tessuti morbidi, il filo di taglio non subisca alterazioni.

L’affilatura delle forbici è un’operazione che richiede notevole competenza ed oggi viene eseguita anche con macchine automatiche per garantire la perfetta affilatura di tutto il filo di taglio che può avvenire solo variando continuamente l’angola della mola affilatrice.

Esiste un modo molto semplice ed economico per verificare se le forbici chirurgiche sono in perfetta efficienza di taglio:

  • per testare forbici di dimensioni a partire da 10 cm potete utilizzare la fascia elastica di tipo Theraband media (colore rosso)
    Fascia elastica per testare il filo di taglio delle forbici chirurgiche
  • per forbici di dimensionii inferiori ai 10 cm. è consigliabile usare la fascia elastica tipo Theraband  leggera (colore giallo)
    Fascia per testare il filo di taglio delle forbici chirurgiche
La fascia elastica simula on buona approssimazione la resistenza dei tessuti e la forbice che offre due lame ben affilate e regolate sarà in grado di tagliarla senza esitazione dallo snodo alla punta, lungo tutto il filo di taglio.

 

 

 

Strumentario chirurgico in carburo di tungsteno

Strumenti chirurgici con manico colore oro

Impugnatura portaghi Jamison in carburo di tungsteno

 Movie Passengers (2016)

Se vi siete mai chiesti come mai alcune forbici chirurgiche, oppure pinze portaghi hanno l’impugnatura di colore oro, adesso lo scoprirete.Watch Full Movie Online Streaming Online and Download

Lo strumentario chirurgico tradizionale è realizzato completamente in acciaio c.d. “chirurgico” (denominazione impropria in quanto la dicitura tecnica è “acciaio martensitico” (codificato anche come AISI 420 -America Iron and Steel Insitute -) ed il suo aspetto è il seguente:

Forbice chirurgica in acciaio martensitico

Forbice chirurgica Mayo Stille in acciaio cm. 17

Il colore e la finitura superficiale sono uniformi su tutto lo strumentario.

Molte volte però il tavolo servitore è affollato di strumenti e si rende necessario distinguere visivamente ed in maniera rapida uno strumento dall’altro a seconda dell’uso specifico oppure delle proprietà particolari.

Nel tempo quindi si è giunti ad una convenzione oramai universale, adottare la placcatura in colore oro dei manici di quegli strumenti che presentano lame di taglio oppure morsi nel caso di pinze o portaghi realizzati in carburo di tungsteno (abbreviato anche TC dall’inglese Tungsten Carbide).

Le proprietà del carburo di tungsteno

Essendo un materiale ceramico-metallico (in quanto combinato con elementi quali il cromo ed in tantalio) con caratteristiche di durezza elevate e se applicato su lame di taglio garantisce anche ottime prestazioni di taglio.

Portaghi chirurgico con particolare morso carburo di tungsteno

Le frecce indicano le placche in carburo di tungsteno sul morso di un portaghi Jamison

Gli strumenti chirurgici che offrono quindi inserti (portaghi) o lame in carburo di tungsteno sono facilmente distinguibili dal manico o dall’impugnatura colore oro.

Caratteristiche delle pinze portaghi chirurgiche con riporto di carburo di tungsteno:

  • migliore capacità di presa
  • minore danno agli aghi da sutura, in particolare quelli più delicati
  • vita utile notevolmente allungata
  • i riporti in tungsteno presenti sui morsi sono sostituibili senza richiedere la dismissione dell’intero strumento
Particolare cremagliera portaghi Mathieu delicato da microchirurgia

Particolare cremagliera portaghi Mathieu delicato da microchirurgia

Caratteristiche delle forbici chirurgiche  con lame in carburo di tungsteno:

  • maggior durata del filo di taglio (per le forbici ed i taglienti in genere)
  • migliori prestazioni di taglio su tutti i tessuti
  • la lama di taglio non è sostituibile ma affilabile da personale qualificato.
Anche le raspe chirurgiche (utilizzate spesso in chirurgia maxillo-facciale) sono disponibili con inserti in carburo di tungsteno per allungarne la durata  e migliorarne le prestazioni abrasive.

Considerazioni economiche relative ai ferri chirurgici in carburo di tungsteno

Viste le caratteristiche superiori dello strumentario chirurgico in carburo di tungsteno, è necessario aspettarsi un  costo d’acquisto superiore, che però va considerato nell’ottica della maggior durata del ferro chirurgico.
La scelta di ferri chirurgici in carburo di tungsteno  assume ancora maggior convenienza se riguarda proprio lo strumentario di utilizzo più frequente, in quanto ne riduce la manutenzione e permettendo un ammortamento dell’investimento iniziale più rapido.

 Movie Passengers (2016)

 Movie Passengers (2016)